mercoledì 5 ottobre 2022

ore:

logo infermieristica journal

Ascesso


L’ascesso è una raccolta di pus in una cavità neoformata (di nuova formazione). Si differenzia dall’empiema, perché quest’ultimo è una raccolta purulenta che si crea all’interno di una cavità già presente.
Numerosi microrganismi possono causare ascessi, ma il più frequente lo Staphylococcus aureus.

I microrganismi possono penetrare nel tessuto per:

  • Penetrazione diretta (es. trauma penetrante con un oggetto contaminato)
  • Diffusione da un focolaio d’infezione contiguo 
  • Disseminazione per via linfatica o ematica da una sede distante
  • Migrazione da un’area in cui è presente una flora saprofitica residente verso una zona adiacente, normalmente sterile, a causa di un danno delle barriere naturali (es. perforazione di un viscere addominale che causa un ascesso intra-addominale).

I segni e sintomi dell’accesso sono ricoducibili ai 5 segni tipici dell’infiammazione: tumefazione, rossore, dolore, calore, compromissione della funzione.

Gli ascessi superficiali si possono risolvere con la somministrazione orale di antibiotici.

Gli ascessi cutanei più piccoli possono essere risolti solo con l’incisione e il drenaggio.

Gli ascessi profondi a volte necessitano di un adeguato drenaggio tramite l’agoaspirazione percutanea (di solito eco o TC guidato); questo metodo spesso evita di aprire il drenaggio chirurgico.

Possono anche verificarsi la rottura e il drenaggio spontanei, determinando talora la formazione di fistole croniche drenanti. Senza drenaggio, un ascesso può a volte risolversi lentamente dopo che avviene la digestione proteolitica del pus che produce un liquido sterile e scarsamente vischioso che viene riassorbito nel torrente circolatorio. Un riassorbimento incompleto può lasciare una loculazione cistica all’interno di una parete fibrosa che può diventare calcifica.

Le voci del Glossario di infermieristica journal sono libere da ogni copyright. Ti va di contribuire alla sua crescita e perfezionamento? Invia una mail all’indirizzo scrivici@infermieristicaj.it.

    Scrivici