giovedì 29 settembre 2022

ore:

logo infermieristica journal

Dolore


La IASP (International Association for the Study of Pain – 1986) definisce il dolore come “un’esperienza sensoriale ed emozionale spiacevole associata a danno tissutale, in atto o potenziale, o descritta in termini di danno. E’ un esperienza individuale e soggettiva, a cui convergono componenti puramente sensoriali (nocicezione) relative al trasferimento dello stimolo doloroso dalla periferia alle strutture centrali, e componenti esperenziali e affettive, che modulano in maniera importante quanto percepito”.

Da un punto di vista eziopatogenetico, il dolore può essere classificato in: nocicettivo (attivazione diretta dei recettori della nocicezione), neuropatico (da interessamento del sistema nervoso centrale e/o periferico), psichico (attivato da stazioni psico-relazionali) e misto.

Da un punto di vista clinico invece si possono distinguere tre diverse tipologie di dolore: acuto (ha la funzione di avvisare l’individuo della lesione tissutale in corso ed è normalmente localizzato. Tende a diminuire con la guarigione), Cronico (è un dolore duraturo, spesso determinato dal persistere dello stimolo dannoso che si mantiene vivo  anche quanto la causa iniziale si è limitata), procedurale (legato a procedure diagnostico/terapeutiche).

Il dolore viene considerato come parametro vitale e come tale deve essere monitorato e trascritto in cartella. La valutazione deve prevedere: l’intensità, la localizzazione ed eventuale irradiazione e la modalità di presentazione della sensazione dolorosa.

Per effettuare una valutazione quanto più possibile oggettiva la SIAARTI, in accordo con la letteratura internazionale, raccomanda di utilizzare scale unidimensionali come: NRS scale (scala numerica da 1 a 10), VAS (rappresentazione visiva dell’ampiezza del dolore su una linea lunga 10 cm), VRS scale (con 6 indicatori verbali che vanno da “nessun dolore” a “dolore molto forte”), PAINAD scale (si basa sulla valutazione oggettiva delle espressioni del volto per pazienti che non in grado di verbalizzare).

Le voci del Glossario di infermieristica journal sono libere da ogni copyright. Ti va di contribuire alla sua crescita e perfezionamento? Invia una mail all’indirizzo scrivici@infermieristicaj.it.

    Scrivici